skip to content
 
 
 

Selezione di partner per la gestione dei centri Europe Direct in Italia

La Commissione europea ha pubblicato un bando per selezionare partner che gestiscano i centri Europe Direct per il periodo 2021-2025. I centri lavorano a stretto contatto con le Rappresentanze CE e con gli uffici del Parlamento europeo nei rispettivi Stati membri. C'è tempo fino al 15 ottobre 2020 ore 17 per presentare le proposte.

La Commissione europea, tramite la sua Rappresentanza in Italia, ha lanciato un invito a presentare proposte con lo scopo di selezionare partner per la gestione dei centri Europe Direct per il periodo 1° maggio 2021 - 31 dicembre 2025.

Il termine per la presentazione delle domande è fissato al 15 ottobre 2020 ore 17,00.

I centri Europe Direct promuovono attivamente e in modo continuativo la partecipazione dei cittadini per rafforzarne il senso di responsabilità nei confronti del progetto europeo. Attraverso l'organizzazione di attività di informazione e coinvolgimento, permettono ai cittadini di compiere scelte consapevoli sul futuro dell'UE, partecipando a pieno titolo al processo democratico europeo.

Favorendo una migliore comprensione del funzionamento dell'Unione europea e della sua democrazia parlamentare nonché delle sue responsabilità, i centri Europe Direct sensibilizzano i cittadini sui vantaggi che l'UE offre loro quotidianamente, evidenziando al tempo stesso il valore aggiunto dell'Unione.

Gli Europe Direct contribuiscono a identificare gli aspetti delle politiche UE importanti per le comunità locali, recepiscono le istanze dei cittadini e consentono di fornire un riscontro alle istituzioni europee. Mediante attività di comunicazione e iniziative di coinvolgimento della cittadinanza, contribuiscono a preparare il terreno per le priorità politiche strategiche della Commissione e del Parlamento.

I centri Europe Direct Lavorano a stretto contatto con le Rappresentanze della Commissione e con gli uffici del Parlamento europeo nei rispettivi Stati membri, si adoperano per collaborare con altre reti di assistenza e punti di contatto dell'UE o locali e per promuovere gli scambi e il coordinamento reciproci.

Testo dell'invito a presentare proposte e documenti allegati | ED-IT-2020